Bianco & Nero

 

Bianco e nero, spesso abbreviato in B/N, indica una forma di rappresentazione visuale che non utilizza il colore. Il termine fa riferimento al solo uso del bianco e del nero, anche se in realtà vengono poi normalmente utilizzate tutte le gradazioni di grigio intermedie. Sono poi considerate rappresentazioni in bianco e nero anche quelle che fanno uso di un solo colore, come ad esempio le foto seppiate mediante viraggio.

Fino agli anni settanta, quando il calo dei prezzi ha reso popolare la fotografia a colori, la quasi totalità delle foto scattate era in bianco e nero. Il bianco e nero tuttavia non è scomparso, ma si è ritagliato una nicchia per le sue peculiari capacità espressive e ha superato indenne anche l'avvento delle fotocamere digitali.

La fotografia in Bianco e Nero rappresenta laspetto più interessante e ispirante di questarte che sia essa hobby o passione. E rude e raffinata, naturale e inusuale, misteriosa e chiara, emozionale e impassibile, semplice e complessa, bianca e nera. La fotografia è nata monocromatica, ma ciò che un tempo era un limite tecnologico oggi rappresenta qualcosa di molto più profondo.

Quando scattiamo in bianco e nero, le nostre fotografie non possono contare su di un elemento fondamentale dal punto di vista visivo ed emozionale, il colore, quindi deve necessariamente chiedere aiuto ad altri elementi di natura compositiva. Ecco alcuni consigli per ottenere il massimo dalla fotografia in bianco e nero.

 

LA PRATICA è LA CHIAVE.

 

Un fotografo professionista del bianco e nero riesce facilmente ad osservare il mondo senza colori. E fondamentalmente abituato a cogliere i contrasti e i toni senza la distrazione delle variazioni cromatiche.

Naturalmente si tratta di unabilità che non è possibile acquisire da un giorno allaltro, ma è qualcosa che si apprende in modo naturale col passare del tempo fino ad acquisire quella che potremmo definira la “visione monocromatica” della scena.
Il primo fondamentale passo
è quello di esercitare il nostro cervello a questo modo di vedere, e quale modo migliore di farlo se non attraverso la pratica? Scattate fotografie in bianco e nero per un mese e vi renderete conto di come migliorerete la vostra capacità di composizionr delle immagini

 

 

 

 

CONCENTRATEVI SUL CONTRASTO

 

La fotografia in bianco e nero, è composta di bianco, nero e tutte le sfumature di grigio intermedie.
L
occhio umano è una macchina creata per percepire due elementi dal mondo sensibile: lintensità della luce e il colore. Se rimuoviamo il colore, la nostra sensibilità alla luce aumenta (così
come un cieco sviluppa gli altri sensi in modo formidabile).
Riusciamo a percepire con pi
ù attenzione le aree di contrasto e miglioriamo la comprensione delle differenze fra gli elementi dellinquadratura.

Utilizzare il contrasto è quindi fondamentale per concentrare lattenzione dellosservatore sugli elementi compositivi e per evidenziare o nascondere aree più o meno rilevanti della nostra inquadratura. Inoltre la fotografia digitale ha il vantaggio (per alcuni svantaggio) di poter essere ritoccata con software come Photoshop, che con i sui strumenti quali livellicurve” e fusioni di livello ci permette di ottenere diversi risultati dalle nostre fotografie, permettendoci di lavorare anche su porzioni dellimmagine senza intaccare il resto.

 

 

CONCENTRATEVI SULLA TEXTURE

 

La texture si presenta come una successione pressocchè irregolare di motivi di luce ed ombre ed si evidenzia particolarmente nella fotografia in bianco e nero, dal momento che il colore aggiunge un livello di complessità allimmagine e ne maschera i dettagli. Cercate aree che presentano interessanti texture, forme geometriche ripetute ed esaminatene il loro contrasto alternato.

Le scelte che effettuate poi in post-produzione (sul vostro pc) possono fare la differenza nella resa finale dellimmagine. Durante la conversione in bianco e nero (se avete scattato la fotografia utilizzando il colore vedi punto successico) potete facilmente ottenere delle texture da superfici che apparentemente sembrano piane. Aprite limmagine in Photoshop e analizzatene i canali (RGB nella palette Canali accanto a quella dei livelli) cliccando su ognuno. Noterete che la superficie si presenterà con motivi diversi a seconda della vostra scelta. Utilizzate strumenti come il miscelatore canale o la nuova funzione bianco e nero di Photoshop CS3 per ottimizzare loutput

 

 

CATTURATE LE IMMAGINI A COLORI

 

Questo è un consiglio prettamente mirato ai fotografi che utilizzano il digitale Anche se le vostra fotocamera vi permette di scattare foto in bianco e nero, NON UTILIZZATE QUESTA FUNZIONE! Le fotocamere digitali hanno al loro interno un processore e un algoritmo di conversione in bianco e nero standard e che non da risultati deffetto come quando utilizziamo dei software di fotoritocco, che offrono una maggiore flessibilità sul risultato finale.

Eccezione: Potete utilizzare la funzione di bianco e nero della fotocamera per avere unanteprima di come sarà la scena una volta fotografata in modalità monocromatica; servirà a capire quale scena si presta maggiormente ad essere ripresa in bianco e nero. Una volta identificata, tornate alla modalità a colori e scattate la vostra fotografia!

 

 

UTILIZZATE I FILTRI COLORATI

 

I grandi fotografi tradizionali hanno sempre utilizzato dei filtri colorati per variare il modi in cui i toni venivano catturati sulla pellicola, anche in bianco e nero.
Se non disponiamo di questi filtri, allora il Photoshop ci pu
ò essere sempre di aiuto: se utilizzate il Photoshop CS3 allora potete affidarvi alla funzione di bianco e nero che ho menzionato pocanzi, se invece utilizzate il CS2, potete migliorare le vostre foto in bianco e nero sfruttando una tecnica che porta il nome di “Metodo Russell Brown” (dal nome del suo inventore e sulla base della quale è stata progettata la funzione bianco e nero del CS3)